335 7569647
Seleziona una pagina

Prevenzione e cura in adolescenza

Sorprendentemente uno dei servizi statisticamente più usato dagli adolescenti è il pronto soccorso. In base alle casistiche esistenti, i soggetti di età compresa tra i 12 ed i 23 anni rappresentano il 10-12% degli accessi al P.S. Sono in netto aumento i seguenti sintomi del disagio adolescenziale: abuso di alcol e droghe, incidenti ripetuti, disturbo del comportamento alimentare, attacchi di panico, interruzioni di gravidanza ripetute, disturbi psicosomatici e l’età di insorgenza è sempre più precoce. Molti giovani trovano come unica soluzione alla crisi adolescenziale il ricorso a comportamenti compulsivi, quasi a cercare una transitoria anestesia, o in una somatizzazione. Tutti, a loro modo, stanno chiedendo aiuto agli adulti, non avendo parole per dirlo usano il linguaggio del corpo. Il carattere dei disturbi in età adolescenziale mostra come il loro rilevamento possa favorevolmente avvenire nei rapporti tra Ospedale e famiglie, con un ascolto ed una preparazione clinica adeguati possono essere individuate domande di aiuto da parte di famigliari e ragazzi che diversamente resterebbero inespresse.

Questi gli interventi principali:

  • Presenza di psicologo specialista in età adolescenziale a chiamata in Reparto Pediatria (intervento in massimo 48 ore) in collaborazione con psicoterapeuti e psicologi Jonas Onlus con valutazione del caso e della necessità di proseguimento con una psicoterapia presso le sedi territoriali Jonas o presso la neuropsichiatria infantile territoriale, lasciando la libera scelta ai pazienti.
  • Formazione del personale infermieristico e medico U.O Pediatria e Pronto Soccorso.
  • Incontri sui casi clinici con il personale medico U.O. Pediatria.

Lo scopo è quello di creare la possibilità di un incontro con uno psicologo per:

  • Favorire per il ragazzo la possibilità di esplicitare dubbi, angosce, problemi grazie all’ascolto di un terapeuta professionista, questo incontro è gratuito e si svolge in tre colloqui presso l’Ospedale;
  • Permettere la comprensione delle implicazioni soggettive che queste difficoltà comportano, sia del ragazzo che della famiglia;
  • Definire l’entità della problematica;
  • Valutare la necessità di una presa in carico, offrendo la scelta ai genitori ed ai ragazzi di proseguire il percorso terapeutico presso Jonas Onlus, associazione operante nell’ambito del privato sociale, o presso il servizio pubblico.

Destinatari: adolescenti della provincia di Monza e Brianza
Luoghi di attuazione: Servizio presente da Aprile 2011 presso l’Azienda Ospedaliera di Desio
Ente/Associazione capofila: Jonas Monza Brianza
Costi: i costi inerenti alle prestazioni professionali degli psicologi in Ospedale sono sostenuti dall’Associazione Jonas Monza Brianza Onlus.
Responsabile progetto: dott.ssa Laura Porta
Per informazioni: recapito telefonico dott.ssa Laura Porta 335 7569647
JONAS MONZA BRIANZA ONLUS Via F. Cavallotti, 124 – 20900 Monza

L’analisi come messa in gioco

L’analisi come messa in gioco

Di Laura Porta Bologna, 11 novembre 2017, Centro di Formazione Permanente, ALIpsi. Non mi interessa quanti anni hai Voglio sapere se ancora vuoi rischiare di sembrare stupido per amore, per i sogni, per l’avventura di essere vivo (Oriah Mountain Dreamer. “The...

Trauma e trascendenza

Trauma e trascendenza

Di Laura Porta Testo dell'intervento al Convegno “Arte e psiche”, 20 ottobre 2018, Palazzo Barberini, Roma. Parlare di trauma in questo luogo significa far dialogare arte e psicoanalisi su un tema complesso e stratificato. La psicoanalisi ha dato contributi importanti...

Questo sito prevede l'utilizzo di cookie tecnici. Non sono presenti cookies di profilazione. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close